Firmate per la tutela dei beni comuni!

comitato-bc-rodota-a-roma

 

 

 

 

 

 

 

Comitato beni pubblici e comuni Stefano Rodotà

Il Comitato di Difesa dei Beni Pubblici e Comuni “Stefano Rodotà” si pone l’obiettivo di riportare al centro del dibattito Nazionale la questione dei “BENI COMUNI”, attraverso il progetto di legge di iniziativa popolare, depositato in Cassazione il 18 Dicembre 2018, riprendendo il testo originale del disegno di legge Rodotà.
E’ in quest’ottica che invitiamo tutti i cittadini ad aderire all’iniziativa e a promuovere la raccolta firme. Per i residenti nel Comune di Cagliari i moduli per la raccolta delle firme sono disponibili presso le sedi comunali decentrate sul territorio (ex circoscrizioni comunali), che rimangono aperte al pubblico nei giorni e negli orari più avanti segnalati.
L’iniziativa a Cagliari è sostenuta dalle riviste online Aladinpensiero, Democraziaoggi, il manifesto sardo.
Documentazione pertinente:
il testo di legge d’iniziativa popolare
I materiali informativi, sono disponibili al seguente link:http://www.aladinpensiero.it/?p=95675;
La data per la pubblicazione all’albo pretorio del Comune è (fino al) 30/07/2019;
La data di scadenza per la raccolta firme è 30/07/2019.
CAGLIARI: orari apertura uffici per la raccolta delle firme.
Gli sportelli decentrati degli uffici di Città e la Municipalità di Pirri osserveranno il seguente orario di apertura al pubblico:
Ufficio di città 4 – via Castiglione:
mattina: dal lunedì al venerdì 9.00 – 12.30 pomeriggio: lunedì 15.30 – 17.30

Municipalità di Pirri:
mattina: dal lunedì al venerdì 9.00 – 12.30 pomeriggio: martedì 15.30 – 17.30

Ufficio di città 5 – via Carta Raspi (Sant’Elia):
mattina: dal lunedì al venerdì 9.00 – 12.30 pomeriggio: mercoledì 15.30 – 17.30

Ufficio di città 2 – viale Sant’Avendrace:
mattina: dal lunedì al venerdì 9.00 – 12.30 pomeriggio: giovedì 15.30 – 17.30

Nel periodo indicato rimarranno chiusi:
Ufficio di Città n.1 – Via Santa Margherita
Ufficio di Città n.3 – Via Montevecchio

Annunci

Spazi civici a Cagliari: il problema ( che non si vuole affrontare) è la gestione

palazzo-sorcesco-8-03-19

La vicenda del “palazzo sorcesco”. Ristrutturazione (sa fabbrica de Sant’Anna) e il problema (mai affrontato adeguatamente) della gestione*. Oggi su L’Unione Sarda. Aladinews ne parla da tempo.
eb98d80e-a534-4551-aeca-a79368faf998
* lampadadialadmicromicroPer la gestione di questo come di altri spazi/edifici occorre un apposito regolamento che il Comune di Cagliari non ha ancora adottato (nonostante le promesse anche a fronte delle nostre sollecitazioni**), dovendo ricorrere pertanto quando necessario a regolamentazioni ad hoc, che si prestano a critiche in fatto di dubbia imparzialità nelle scelte dei contraenti. Siamo fiduciosi che la prossima Amministrazione affronterà questa problematica non appena insediata. Al riguardo chiediamo che i candidati Sindaci inseriscano questo impegno nei programmi con i quali si presentano e chiedono il voto agli elettori (Francesca Ghirra e Matteo Lecis Cocco-Ortu conoscono bene l’argomento, che era stato oggetto di un incontro con l’Osservatorio dei beni comuni della Sardegna). Ne terremo conto. Noi assicuriamo fin d’ora la nostra collaborazione.
——————————————-
UN ESERCIZIO GIAPPONESE. Città di Cagliari. REGOLAMENTO SULLA COLLABORAZIONE TRA CITTADINI E AMMINISTRAZIONE PER LA CURA, LA GESTIONE CONDIVISA E LA RIGENERAZIONE DEI BENI COMUNI URBANI       [Aladinews 4 marzo 2017]
BC Viale Merellolampada aladin micromicroAbbiamo preso il Regolamento di Torino e l’abbiamo letteralmente ricopiato sostituendo a Città di Torino Città di Cagliari. E’ solo un esercizio alla “giapponese”, come si diceva un tempo perché erano i giapponesi i maestri del ricopiare/imitare. Oggi, invece, sono considerati tali soprattutto i cinesi. A prescindere, in questo caso vogliamo solo sostenere che a redigere un regolamento sui beni comuni urbani, di cui la Città di Cagliari è priva, basta poco: basta appunto copiare intelligentemente dalle migliori regolamentazioni (a cui corrispondano buone pratiche) conosciute. Noi vorremmo però arrivare all’approvazione formale di un regolamento (da parte del Consiglio comunale) attraverso un percorso di condivisione con i cittadini attivi e le loro organizzazioni associative. Spetta al Comune e, in particolare ai consiglieri comunali (tutti: di maggioranza e di minoranza) e, ovviamente, al Sindaco e alla Giunta, di avviare questo percorso partecipativo per arrivare rapidamente alla meta. Al riguardo il Laboratorio sulla Sussidiarietà (www.labsus.org) guidato dal prof. Gregorio Arena fornisce ogni necessario e qualificato supporto. Spetta poi all’Amministrazione comunale di dotarsi di un’adeguata organizzazione di carattere gestionale perché tutto venga concretamente attuato nel migliore dei modi. (Franco Meloni direttore di Aladinews e componente dell’Osservatorio Beni Comuni della Sardegna).


** Dal verbale di un incontro tra il presidente del Consiglio comunale di Cagliari Guido Portoghese e esponenti dell’Osservatorio sui beni comuni della Sardegna del 6 novembre 2017:
Osservatorio Beni Comuni Sardegna pagina fb.
Pubblicato da Franco Meloni. 6 novembre 2017.
“Come previsto, stamane abbiamo incontrato Guido Portoghese, presidente del Consiglio comunale di Cagliari, al quale abbiamo presentato il nostro Osservatorio e richiesto che il Comune di Cagliari adotti il “regolamento per la gestione dei beni comuni urbani”. La nostra delegazione era formata da Paolo Erasmo, Gianluca Frongia, Franco Meloni e Stefano Meloni. L’incontro è stato cordialissimo e produttivo, infatti il presidente, che è sembrato convinto della nostra proposta, si è impegnato ad avviare la procedura per l’adozione del “regolamento” attraverso un processo partecipativo, affidando tale compito a una Commissione consiliare (ancora da decidere quale sulla base di una valutazione di affidabilità e di efficacia dello stesso). Una prima tappa ravvicinata sarà l’organizzazione di un Convegno sul tema, dove saranno illustrate buone pratiche presenti in Italia, anche sostenute da qualche riflessione teorica (al riguardo abbiamo dato qualche suggerimento)”.

Beni pubblici e comuni – Ci impegnamo anche in Sardegna – Presto aggiornamenti

comitato-bc-rodota-a-roma

Sostieni la legge di iniziativa popolare
————————————————-
generazioni-future
Beni pubblici e comuni
Per saperne di più
————–
comitato-bc-rodota2
Iscriviti al Comitato

Dona

Organizza un evento

STATUTO COMITATO

Scopri il programma attraverso i video

Difendi le generazioni future

Un potente delfino in un mare di squali

La tua azione per le generazioni future

STATUTO COOPERATIVA

LA POLITICA RISPONDA ALLE ISTANZE DELLA “LAUDATO SÌ’“

——————————————————
giornata-mondiale-per-la-terra_contentimagesferaLA POLITICA RISPONDA ALLE ISTANZE DELLA “LAUDATO SÌ’
———————————————————-
– Mercoledì 16 maggio alle ore 17,30 allo Studium franciscanum di via principe Amedeo 22, incontro organizzato dagli Amici sardi della Cittadella di Assisi, in collaborazione con Alpo, CoStat, Comunità San Rocco. L’iniziativa ha l’appoggio di altri organismi di carattere socio-culturale e sindacale.
—————————————————————

RdC. DOCUMENTAZIONE IN RETE.

Finlandia, verso la fine l’esperimento del reddito di cittadinanza: il governo è pronto a prendere altre strade

Ha coinvolto 2 mila cittadini, che hanno ricevuto 560 euro al mese. Al termine del progetto però verrà introdotto un nuovo sistema di sostegno contro al disoccupazione

Il piano era stato elogiato a livello internazionale e desta ancora interesse, ma il governo finlandese sembra voler prendere altre strade. Inizialmente si prevedeva invece che dovesse essere ampliato per coinvolgere anche altre figure di lavoratori, ma l’esecutivo ha appena varato un provvedimento che richiede ai disoccupati di trovare almeno 18 ore di lavoro in 3 mesi per non perdere i sussidi statali. Secondo il ministro delle Finanze Petteri Orpo, inoltre, il Paese andrà verso un percorso più simile al modello inglese, che combina vari benefici e crediti d’imposta in un unico sistema.

L’idea del reddito di cittadinanza era stata portata avanti dopo che gli studiosi avevano rilevato che le indennità di disoccupazione erano così alte e il sistema così rigido, che a un cittadino disoccupato poteva scegliere di non lavorare perché rischiava di rimetterci: più alti erano i suoi guadagni, infatti, e minori erano i benefici sociali.
————————————————